Indietro

Rolla Arrostiti 1904 - 1945 Aggiornare

Nato 18.5.1904 in Montelupo Fiorentino
Morto 21.4.1945 in Mauthausen

Biografia

Ceramista (impiegato amministrativo)

Id nel campo 42820 (56906?)

Era sposato con Erika Billi da cui ebbe due figli Maria e Franco. Aveva tre sorelle, Rosa (18/2/1906-26/5/1995) per tutti Rosina, che faceva la maestra, Leda e Mentana.

2 Fondò nel 1938 una vetreria artistica insieme a Natale Mancioli, anch’egli nella lista di deportazione stilata dai fascisti, dove teneva l’amministrazione. Nel 1940 lascia la vetreria e iniziò a lavorare per la Ceramica Pugi di Lastra a Signa.

La notte tra il 7 e l’8 marzo non doveva essera a Montelupo, ma a Fucecchio dove moglie e figli erano andati a trovare i genitori di lei. Venne portato via dalla casa di Piazza Vittorio Veneto all’attuale civico 21, allora civico 1, dove è stata adesso posta la pietra di inciampo.

Dal 25 marzo al 12 settembre 1944 risulta trasferito ad Ebensee, con poi due passaggi in infermeria. Conosceva le lingue e sapere lo spagnolo permise al compagno di campo ad Ebensee Dino Grazzini, barbiere di Montelupo, di salvarsi. Rolla gli passò infatti l’informazione compresa dal kapò spagnolo che i tedeschi stavano cercando un barbiere come lui. Grazzini per convincere il kapò gli promise il suo negozio di piazza della Libertà a Montelupo, qualora entrambi si fossero salvati dai lager.

Risulta assassinato a Mauthausen.

 

Dott. Lorenzo Nesi 

Assessore del Comune di Montelupo Fiorentino

 

Fonti:

- Fondazione Museo e Centro di documentazione della Deportazione e Resistenza, Guida-catalogo, progetto editoriale a cura di Camilla Brunelli, Prato 2010 (2014).

- Il libro dei deportati, ricerca diretta da Brunello Mantelli e Nicola Tranfaglia, promossa da ANED-Associazione Nazionale Ex-Deportati, volume I, I deportati politici 1943-1945 (a cura di Giovanna D’Amico, Giovanni Villari, Francesco Cassata), Milano, Mursia, 2009.

- Alfio Dini, La notte dell’odio, La Nuova Fortezza, Livorno 1986.

- Vittorio Grazzini, 8 marzo 1944: il segreto! I ricordi di un insegnante cattolico e di un medico dalle idee liberali, a cura di Emanuele Piccini, Aleph, Montespertoli 2008.

- Documenti dell'Arolsen Archives e della Croce Rossa internazionale -Testimonianze orali della figlia e dei nipoti di Dino Grazzini, sopravvissuto.

- Cartolina / Carta personale del detenuto / Libretto di lavoro https://collections.arolsen-archives.org/en/archive/1336272/?p=1&s=arrostiti&doc_id=1336274. 

File

Inviare informazioni sulla persona …

Aggiungere altre informazioni sulla persona …